logo

Gusto e affettuosa ironia

Scritto da Administrator
Domenica 18 Gennaio 2009 16:56

Classic Voice - Gennaio 2009

Come aprire un cassetto segreto per scoprire pagine destinate al silenzio, sembra dirci questo singolare disco, nato dalla simpatica complicità tra il riservato, aristocratico Francesco d'Avalos e l'estroso, dotato pianista Francesco Libetta.

Si tratta, infatti, di piccole composizioni che d'Avalos ha scritto in vari momenti della sua vita, uscendo dal terreno della contemporaneità per volgere lo sguardo indietro; un gioco, un'illusione, una nostalgia, chissà.

A forzare la discrezione che proteggeva tali divagazioni, Libetta appunto il quale con gusto e affettuosa ironia ha dato voce a queste piccole pagine, pezzi di carattere, attraverso le quali trascorrono impallidite le ombre di Schumann soprattutto, con qualche puntata in avanti, un ammicco a Strauss e persino a Debussy

Ultimo aggiornamento ( Domenica 15 Marzo 2009 15:32 )